Tirreno: la zampata di Gaviria

di , 13 marzo 2017 17:05

Ha aspettato il lungomare di Civitanova Marche per lasciare il segno in questa Tirreno – Adriatico. Con una zampata vincente, Fernando Gaviria (Quick Step – Floor) ha respinto un insaziabile Peter Sagan (Bora – Hansgrohe) che con una grande rimonta ha tentato in ogni modo di calare il tris. Terzo posto per il belga Jasper Stuyven (Trek – Segafredo) che precede Matteo Trentin (Quick Step – Floor).
Nessun cambiamento in classifica generale con Nairo Quintanta (Movistar Team) che conserva la maglia di leader in vista della cronometro di San Benedetto del Tronto, 10 chilometri che domani assegneranno ufficialmente il tritone.

Prosegui la lettura 'Tirreno: la zampata di Gaviria'»

Tirreno: il grande giorno di Quintana

di , 11 marzo 2017 16:40

Era il più atteso e non ha deluso. Nella tappa regina della Tirreno – Adriatico 2017 è Nairo Quintana a fare piazza pulita. Con uno scatto a 2 chilometri dalla conclusione, il colombiano del Team Movistar ha conquistato la vetta del Terminillo e la prima posizione in classifica, lasciandosi alle spalle tutti i più diretti concorrenti. Con 18″ di ritardo, conquista il secondo posto il trionfatore di Pomarance, Geraint Thomas. Terzo Adam Yates (a 24″) che precede Rigoberto Uran. Fuori dai primi dieci Vincenzo Nibali e Fabio Aru, i due italiani su cui erano puntati i fari alla vigilia.
Cambia dunque il padrone della maglia azzurra con Nairo Quintana che sfila il simbolo del primato a Rohan Dennis. Domani la carovana arriverà nelle Marche, in una tappa “vallonata”. Una giornata importante non solo ciclisticamente, visto che verranno toccati i comuni delle zone colpite duramente dalle terribili scosse di terremoto dei mesi scorsi tra cui Amatrice e Accumuli.

Prosegui la lettura 'Tirreno: il grande giorno di Quintana'»

Giro: un epico Nibali si prende il Giro, Taaramae trionfa

di , 28 maggio 2016 17:03

Ce l’ha messa tutta e ce l’ha fatta. Più forte delle critiche, più forte dei momenti no ormai alle spalle, più forte della sfortuna, Vincenzo Nibali si riprende quel Giro d’Italia che solo pochi giorni fa sembrava diventato ormai una chimera. Aiutato alla perfezione dai compagni di squadra, lo “Squalo dello Stretto” si lancia verso il sogno lungo l’ascesa del Colle della Lombarda e, chilometro dopo chilometro, recupera il suo ritardo in classifica generale. Niente da fare per gli avversari che sono costretti ad accontentarsi dei piazzamenti d’onore, a partire dall’ex leader Esteban Chavez, che ad un giorno dalla conclusione deve alzare bandiera bianca e accontentarsi della seconda posizione. Sul terzo gradino del podio sale Alejandro Valverde, mentre Steven Kruijswijk, ancora acciaccato dalla caduta di ieri, scivola quarto.
Trionfo non solo per Nibali ma anche per Rein Taaramae che conquista solitario la vetta di Sant’Anna di Vinadio. L’estone del Team Katusha alza le braccia al cielo 52″ prima di Darwin Atapuma, mentre Joseph Lloyd Dombrowski giunge sul traguardo a 1’17″.

 

Prosegui la lettura 'Giro: un epico Nibali si prende il Giro, Taaramae trionfa'»

Giro: il contropiede vincente di Trentin

di , 26 maggio 2016 16:16

Con un grande colpo d’astuzia, Matteo Trentin si ritaglia il suo giorno di gloria. A poche centinaia di metri dal traguardo di Pinerolo, mentre Moreno Moser e Gianluca Brambilla (suo compagno di squadra) perdono tempo a studiarsi, il trentino  della Etixx – Quick Step  arriva in picchiata come un falco e li supera con maestria e ingegno. Una gioia incredibile per Trentin che da diverse tappe stava cercando il primo sigillo in questa edizione. Nella volata del gruppo dei big, giunto a oltre 13 minuti di ritardo, Alejandro Valverde precede la maglia rosa Steven Kruijswijk.

Prosegui la lettura 'Giro: il contropiede vincente di Trentin'»

Giro: il giorno di Valverde

di , 24 maggio 2016 16:07

Sabato scorso lo vedevamo arrancare sulle salite verso Corvara, superato da tutti i big in una giornata storta. Non potevamo immaginare che sul traguardo di Andalo fosse proprio lui, Alejandro Valverde, a conquistare il successo. Il campione spagnolo in carica raggiunge lo striscione d’arrivo aggiudicandosi uno sprint a tre davanti a due eccellenti compagni di fuga, la maglia rosa Steven Kruijswijk – sempre più al comando della corsa – e Ilnur Zakarin. il gruppo di inseguitori è regolato da un brillante Diego Ulissi che precede il leader dei giovani Bob Jungels. Con loro anche Rafal Majka ed Esteban Chavez. Perdono 1’47″ Domenico Pozzovivo ed un Vincenzo Nibali ancora in giornata no: questo ritardo fa perdere il podio momentaneo al siciliano della Astana.

Prosegui la lettura 'Giro: il giorno di Valverde'»

Giro: Foliforov sorprende tutti, giornata no per Nibali

di , 22 maggio 2016 20:52

Sono bastati pochi centesimi ad Alexander Foliforov per conquistare il successo più importante della sua carriera. Nella cronoscalata verso l’Alpe di Siusi, al russo della Gazprom – Rusvelo è bastato meno di un secondo per lasciare il segno davanti alla maglia rosa Steven Kruijswijk. Terzo posto per Alejandro Valverde, apparso più pimpante dopo il crollo di ieri. Bel quinto posto per Michele Scarponi che per una volta si è sganciato dal ruolo di fedele gregario e si è ritagliato una soddisfazione personale. Da dimenticare, invece, la prova di Vincenzo Nibali, alle prese con una giornata storta coronata da un guasto meccanico che gli ha fatto perdere tempo prezioso. Adesso il siciliano della Astana scivola al terzo posto in classifica generale a 2’51″ dall’olandese dietro al colombiano Esteban Chaves (2° a 2’12″) che sale di un gradino sul podio virtuale.

Prosegui la lettura 'Giro: Foliforov sorprende tutti, giornata no per Nibali'»

Giro: sui monti friuliani, la Nieve rosa di Amador

di , 20 maggio 2016 16:41

Erano due anni che Mikel Nieve non alzava le braccia al cielo e lo ha fatto in un palcoscenico prestigioso, il Giro d’Italia. Quando la strada inizia a salire, il Team Sky orfano di Mikel Landa lascia carta bianca al trentaduenne basco che non tradisce le aspettative della sua squadra. Alla sua seconda affermazione nella corsa rosa, cinque anni dopo quella in Val di Fassa, Nieve porta a termine nel miglior modo possibile una fuga iniziata nella prima parte della giornata insieme ad una trentina di corridori. Secondo posto per un altro attaccante della prima ora, un eroico Giovanni Visconti, che nonostante una brutta caduta in corrispondenza del primo GPM di giornata, stringe i denti e va a cogliere un bel piazzamento. Terzo posto per Vincenzo Nibali che riesce ad anticipare Alejandro Valverde e a soffiargli i 4 secondi di abbuono.
Cambia padrone la maglia rosa che va sulle spalle di Andrey Amador, primo costaricense ad indossarla nella storia della corsa.

Prosegui la lettura 'Giro: sui monti friuliani, la Nieve rosa di Amador'»

Giro: Greipel fa “El Triplete”

di , 19 maggio 2016 16:54

Appena la strada torna a spianare, André Greipel torna a colpire. Sul traguardo di Bibione, in una tappa completamente pianeggiante, il tedesco della Lotto – Soudal sfreccia più veloce degli altri e si lascia alle spalle Caleb Ewans. Terzo posto per Giacomo Nizzolo che sperava di lasciare il segno nella sua regione ma che si deve accontentare di un piazzamento comunque prestigioso. Con il successo di oggi Greipel chiude la sua avventura al Giro d’Italia 2016 visto che ha preso la decisione di lasciare la sua maglia rossa nelle mani dei suoi avversari.
Nessun cambiamento in classifica generale con Bob Jungels che continua a godersi il suo momento rosa.

Prosegui la lettura 'Giro: Greipel fa “El Triplete”'»

Giro: Ulissi concede il bis

di , 18 maggio 2016 17:08

Dopo il successo di Praia a Mare, Diego Ulissi ha lasciato di nuovo il segno nell’edizione 2016 del Giro d’Italia. Sul traguardo di Asolo, il livornese della Lampre – Merida ha rincorso i primi due in classifica generale Bob Jungels e Andrey Amador partiti all’attacco, li ha raggiunti e li ha superati sotto lo striscione di arrivo, portando a termine un lavoro perfetto. La volata del plotone principale se l’aggiudica Giacomo Nizzolo che mette la sua ruota davanti a quella di Sonny Colbrelli e di Matteo Trentin.
Una caduta prima della salita verso la Forcella Mostacin ha coinvolto numerosi corridori tra cui Domenico Pozzovivo, Michele Scarponi e Valerio Agnoli. Per fortuna nessuna conseguenza grave per i corridori che però perdono terreno.
Grazie alla bella azione finale, Bob Jungels conferma la sua maglia rosa e fa capire che venderà cara la pelle per tenersi questo prezioso scettro.

Prosegui la lettura 'Giro: Ulissi concede il bis'»

Giro: le lacrime di Ciccone sulla rosa di Jungels

di , 17 maggio 2016 21:43

13236001_10210003596194718_2003874033_nSestola (Modena) - Vincere una tappa al Giro d’Italia per distacco a soli 21 anni non è da tutti. Se poi questo successo è il primo in carriera nella massima categoria il sapore è ancora più dolce. E’ proprio questo che è successo a Giulio Ciccone che, in un bagno di lacrime e sudore, taglia a braccia alzate il traguardo di Sestola dopo una galoppata solitaria di oltre 13 Km. Niente da fare per gli avversari del giovane abruzzese della Bardiani – Csf che sono costretti ad alzare bandiera bianca, il primo dei quali è il russo Ivan Rovny (a 42″) seguito dal colombiano Darwin Atapuma (a 1’20″). Per i colori italiani, quinto posto per Damiano Cunego (che torna in maglia azzurra) e settimo per Giovanni Visconti, primo vero attaccante di giornata.
La linea giovane della corsa prosegue con  Bob Jungels, più grande di Ciccone di soli due 2 anni, che riesce a conquistare la maglia rosa davanti alla coppia della Movistar formata da Andrey Amador (2° a 26″) e Alejandro Valverde (3° a 50″), sfilandola al compagno di squadra Gianluca Brambilla. Quinto Vincenzo Nibali a 52″ dal lussemburghese.
Crollano due dei big della generale: dopo 66 Km Mikel Landa è costretto a ritirarsi a causa di un problema fisico, mentre Tom Dumoulin giunge all’arrivo con 13 minuti di ritardo.

Prosegui la lettura 'Giro: le lacrime di Ciccone sulla rosa di Jungels'»

Panorama Theme by Themocracy